CERTIFICATI BIANCHI

Per qualsiasi richiesta di informazioni, richieste, o altro compilate il seguente modulo:

I certificati bianchi, o TEE (Titoli di Efficienza Energetica), sono stati introdotti dai decreti ministeriali del 20 luglio 2004 come mezzo di incentivazione al risparmio energetico, al fine di raggiungere annualmente gli imposti obblighi nazionali di efficienza energetica.

Un Titolo equivale ad una tonnellata equivalente di petrolio (tep).

Maggiori saranno i risparmi ottenuti, maggiore sarà il numero di titoli riconosciuti, a seguito di specifiche richieste e documenti inviati al Gestore dei Servizi Energetici (GSE).

Tre sono i principali metodi per la presentazione delle domande:

  • Progetti standardizzati
  • Progetti analitici
  • Progetti a consuntivo

I titoli possono essere trasferiti tramite contratti bilaterali o partecipando ai mercati settimanali organizzati dal Gestore dei Mercati Energetici (GME) e sono di diverso tipo a seconda dei settori in cui si verifica il risparmio:

• Titoli di tipo I, attestanti il conseguimento di risparmi di energia primaria attraverso interventi per la riduzione dei consumi finali di energia elettrica

• Titoli di tipo II, attestanti il conseguimento di risparmi di energia primaria attraverso interventi per la riduzione dei consumi di gas naturale;

• Titoli di tipo III, attestanti il conseguimento di risparmi di forme di energia diverse dall’elettricità e dal gas naturale non destinate all’impiego per autotrazione;

• Titoli di tipo IV, attestanti il conseguimento di risparmi di forme di energia diverse dall’elettricità e dal gas naturale, realizzati nel settore dei trasporti e valutati con le modalità previste dall’articolo 30 del D.Lgs n. 28/11;

• Titoli di tipo V, attestanti il conseguimento di risparmi di forme di energia diverse dall’elettricità e dal gas naturale, realizzati nel settore dei trasporti e valutati con modalità diverse da quelle previste dall’articolo 30 del D.Lgs n. 28/11;

• Titoli di tipo II-CAR, attestanti il conseguimento di risparmi di energia primaria, la cui entità è stata certificata sulla base di quanto disposto dal decreto ministeriale 5 settembre 2011;

• Titoli di tipo IN emessi a seguito dell’applicazione di quanto disposto dall’articolo 8, comma 3, del decreto ministeriale 28 dicembre 2012 in materia di premialità per l’innovazione tecnologica;

• Titoli di tipo E emessi a seguito dell’applicazione di quanto disposto dall’articolo 8, comma 3, del decreto ministeriale 28 dicembre 2012 in materia di premialità per la riduzione delle emissioni in atmosfera.